22 Settembre 2020

NOVITA´ 2014

06-02-2014 11:28 - Novità fiscali - approfondimenti
DETRAZIONI IRPEF 2014, NUOVO ISEE E INCENTIVI INAIL


CONTRIBUTI INAIL

Sono previsti incentivi per le imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
Il progetto, rivolto alle imprese di ogni dimensione iscritte al registro delle Imprese (o all´Albo delle imprese artigiane) in regola con gli obblighi contributivi, è finalizzato a realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro.
1) PROGETTI DI INVESTIMENTO:
RISTRUTTURAZIONE O MODIFICA STRUTTURALE E/O IMPIANTISTICA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO.
INSTALLAZIONE E/O SOSTITUZIONE DI MACCHINE, DISPOSITIVI E/O ATTREZZATURE (con messa in servizio successiva al 21 settembre 1996)
MODIFICHE DEL LAYOUT PRODUTTIVO
INTERVENTI COMBINATI TRA I DIVERSI PUNTI PRECEDENTI.
2) PROGETTI PER L´ADOZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI RESPONSABILITA´ SOCIALE
3) PROGETTI PER LA SOSTITUZIONE O L´ADEGUAMENTO DI ATTREZZATURE DI LAVORO (messe in servizio prima del 21 settembre 1966).

Sono ammessi i progetti avviati a partire dal 9 aprile 2014, comprensivi di spese accessorie funzionali e spese tecniche fino al 10% dell´intervento.

L´AGEVOLAZIONE PREVEDE UN CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO IN REGIME DE MINIMIS IN MISURA PARI AL 65% CON UN MINIMO DI 5.000 € E MASSIMO 130.000€.

La pratica deve essere presentata attraverso procedura on line non oltre il giorno 8 aprile 2014.

Gli interventi dovranno essere realizzati e rendicontati entro il termine di 12 mesi dalla data di comunicazione di ammissione al contributo.




NUOVO ISEE


La riforma dell´ISEE, in vigore dal prossimo 8 febbraio, prevede una definizione più ampia del concetto di reddito, pondera meglio la situazione patrimoniale, presta particolare attenzione alle famiglie più numerose e alle diverse condizioni di disabilità.
Le principali novità del nuovo isee:

considera tutte le forme di reddito, comprese quelle fiscalmente esenti;
migliora la capacità selettiva attribuendo un peso adeguato alla componente patrimoniale;
considera le caratteristiche dei nuclei con carichi gravosi, come le famiglie con 3 o più figli e/o quelle con persone con disabilità, riconoscendo abbattimenti e deduzioni di spese;
consente una differenziazione dell´indicatore in riferimento al tipo di prestazione richiesta, con la possibilità per gli enti erogatori di prevedere ulteriori criteri selettivi finalizzati all´individuazione di specifiche platee di beneficiari, in relazione a tipologie di prestazioni che per la loro natura lo rendano necessario;
riduce l´area dell´autodichiarazione, consentendo di rafforzare i controlli per ridurre le situazioni di accesso indebito alle prestazioni agevolate.
prevede la possibilità di determinare un "ISEE corrente" calcolato con riferimento a un periodo di tempo più ravvicinato al momento della richiesta della prestazione al ricorrere di determinate condizioni (per es. la risoluzione del rapporto di lavoro dipendente);
Per evitare abusi da parte dei richiedenti per le prestazioni agevolate sono previsti: controlli preventivi, soprattutto sul patrimonio mobiliare (conti bancari o postali), al fine di intercettare l´esistenza dei conti non dichiarati; controlli successivi, mediante verifiche a cura della Guardia di finanza su cittadini inclusi in specifiche liste selettive.




DETRAZIONI IRPEF


1) In relazione alle detrazioni d´imposta IRPEF/IRES per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici (art.1, commi da 344 a 347 della Legge 296/2006), il Ddl stabilisce la detrazione irpef è calcolata con le seguenti aliquote:

al 55% per le spese sostenute fino al 5/6/2013;
al 65% per le spese sostenute dal 6/06/2013 al 31/12/2014;
al 50% per le spese sostenute dal 1/01/2015 al 31/12/2015.
2) Per gli interventi realizzati su parti comuni di edifici condominiali (art.1117 e 1117-bis) oppure per gli interventi che riguardano tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, l´agevolazione sugli interventi di riqualificazione energetica é fissata nelle seguenti misure:
65% per le spese sostenute dal 6/06/2013 al 30/06/2015;
50% per le spese sostenute dal 1/07/2015 al 30/06/2016.
3) Chi sostiene spese per interventi finalizzati al recupero del patrimonio edilizio (art.16-bis del TUIR) può fruire della detrazione d´imposta pari al:
50% per le spese sostenute dal 26/06/2012 al 31/12/2014;
40% per le spese sostenute dall´1/01/2015 al 31/12/2015.
Il limite massimo di spesa detraibile rimane pari a 96.000 euro per unità immobiliare.

4) Bonus arredi, detrazione del 50% della spesa sostenuta. In base al combinato disposto delle norme sopra richiamate, quindi, il contribuente che effettua uno degli interventi di cui all´art. 16-bis del D.P.R. n. 917 del 1986 ( interventi finalizzati al recupero del patrimonio edilizio ) può beneficiare dell´agevolazione prevista per l´acquisto di beni mobili ed elettrodomestici prevista dall´art. 16, comma 2 del D.L. n. 63 del 2013. E´ possibile beneficiare delbonus arredi se l´acquisto di tali beni è effettuato per arredare l´immobile sul quale sono effettuati tutti i lavori agevolabili.
Documenti allegati
Dimensione: 97,53 KB

Realizzazione siti web www.sitoper.it